Le caratteristiche dell'Airbus A380-800

Airbus A380-800: queste le caratteristiche dell’aereo più grande del mondo

Il prestigio delle compagnie aeree passa per gli aeromobili che utilizzano. L’Airbus A380-800 è attualmente il più grande, vediamone le caratteristiche principali.

Il settore dell’aviazione civile è in continua crescita e la competizione tra produttori è altissima. Nonostante la sfida tra russi e cinesi sia agguerritissima, i due maggiori player a livello internazionale sono la statunitense Boeing e la francese Airbus.

In particolare, l’Airbus A380-800 è attualmente l’aeromobile commerciale per passeggeri più grande al mondo. Super-jumbo è il soprannome che questo gigante dei cieli si è meritato per via delle sue dimensioni, che sono davvero considerevoli.

Il velivolo ha una lunghezza di 73 metri, un’apertura alare di quasi 80 metri e un’altezza pari a quella di un palazzo di otto piani.

Si stima che per costruire questo aereo ci siano voluti 15 miliardi di euro, con componenti giunte da ogni parte del mondo. I pezzi principali sono stati assemblati in Regno Unito, Francia, Germania e Spagna. L’assemblaggio finale, però, ha avuto luogo a Tolosa, in Francia.

L’idea alla base, che stuzzicava sia Boeing che Airbus, era quella di realizzare un aereo in grado di ospitare più di 600 persone. Ed è questa idea che alla fine fa la differenza con il Boeing 747, che è stato per anni il modello di punta per i lunghi viaggi.

L’Airbus A380-800 può trasportare ufficialmente 853 persone, il tutto senza rinunciare a comodità e sicurezza.

Vediamolo un po’ più in dettaglio.

Leggi anche: Qual è la durata dei voli intercontinentali e quand’è che un pilota può affrontarli

Caratteristiche dell’Airbus A380-800

I primi piani di progettazione dell’azienda europea Airbus S.A.S. furono iniziati negli anni 2000 e il primo volo prova è stato fatto nel 2005. Bisogna attendere fino al 2007 però prima che l’Airbus A380-800 venga utilizzato ufficialmente come aereo di linea da Singapore Airlines.

Lo sviluppo dell’Airbus A380-800 ha definitivamente segnato un momento storico per l’aviazione europea, come simbolo di coesione e cooperazione tra i Paesi dell’Unione.

Il progetto era ambizioso sin dall’inizio e con non pochi problemi da risolvere. Uno dei primi da affrontare è stato quello del peso finale.

Un aeromobile troppo pesante infatti consuma maggiore carburante e ciò non avrebbe reso l’Airbus A380-800 adatto a ricoprire lunghe distanze.

Di conseguenza, ingegneri e tecnici si sono adoperati per sviluppare un guscio esterno molto semplice, leggero e resistente. Il materiale impiegato consiste in una nuova lega di alluminio e fibre di carbonio, più leggero e al tempo stesso più resistente agli urti.

La sala comandi dispone di ben otto display 15x20cm che mostrano tutti i parametri necessari per volare in sicurezza: sia le informazioni di volo e quelle riguardanti i sistemi di bordo; un paradiso per ogni pilota che sogni in grande.

L’Airbus A380-800 è un quadrimotore, questi possono essere Rolls-Royce Trent-900 o Engine Alliance GP-7000 e permettono di raggiungere una velocità massima di 945km/h.

Tutte queste scelte tecniche e strutturali hanno fatto sì che, nonostante la stazza, l’Airbus A380-800 nel 2005 è stato identificato come l’aereo più economico nei consumi: 3 litri di carburante per passeggero ogni 100 km.

La cabina passeggeri

La cabina passeggeri può ospitare dai 525 agli 823 passeggeri per volta

Le prestazioni tecniche non sono il solo punto di forza dell’Airbus A380-800.

La cabina può ospitare dai 525 agli 823 passeggeri per volta, divisi in tre o quattro classi per fascia di prezzo e servizi offerti.

I posti sono divisi su due ponti, con la capienza maggiore sul ponte inferiore. Nelle versioni super lusso i passeggeri godono di letto, bar, sala fitness e lounge.

Le dimensioni maggiori consentono di offrire maggiore comfort anche alle classi economiche, segnando un altro punto nella lista dei vantaggi rispetto al Boeing 747, il principale concorrente.

Leggi anche: Lo stipendio di un pilota di aereo di linea: questa la paga media

Lo stop della produzione

Dal primo volo di linea nel 2007, diverse compagnie aeree si sono avvalse dell’Airbus A380-800 quali Air France, Singapore Airlines e Emirates.

Tuttavia, proprio nel 2021 si è fermata la produzione di questi fantastici aeromobili. La decisione è stata presa dalla stessa azienda nel 2019, a fronte dell’espansione delle compagnie low cost.

I costi di produzione e di mantenimento rendono l’Airbus A380-800 non più competitivo sul mercato. Come se ciò non bastasse, anche la crisi causata dal Coronavirus ha provocato il prepensionamento di diversi velivoli.

A oggi risultano prodotti circa 200 modelli a fronte dei 1500 che sono stati prodotti per il Boeing 747 (anche quest’ultimo prossimo al pensionamento).

Vale la pena di puntualizzare che per pilotare un aeromobile del genere ci vogliono molta esperienza e preparazione. Non a caso i futuri piloti affidano la loro formazione sempre a scuole di volo certificate come Urbe Aero.

La formazione di un pilota non può permettersi di avere lacune. I corsi di volo riconosciuti dall’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) sono garanzia di sicurezza sia per i futuri piloti che per le migliaia di vite che viaggeranno con loro.

Prima che l’Airbus A380-800 venga dismesso c’è ancora tempo. Di conseguenza, ogni pilota e aspirante tale che ne abbia voglia, dovrebbe dare il massimo e formarsi a dovere per avere la possibilità di conquistare la cloche dell’aereo più grande del mondo!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Inizia adesso la tua carriera di pilota

Urbe Aero è la scuola giusta per te

In passato, chiunque desiderasse diventare aviatore e costruire una carriera in volo non aveva altra alternativa che entrare a far parte dell’Aeronautica Militare. Oggi il percorso è decisamente cambiato.
Urbe Aero