Albo dei piloti d'aerei

Albo piloti aerei: cos’è e come farne parte

Nel mondo del lavoro esistono diversi mestieri che richiedono l’iscrizione a un apposito albo per poter svolgere la propria professione.

I più comuni sono sicuramente le professioni appartenenti all’ambito medico-sanitario e i commercialisti, ma vi sono tante altre figure professionali che richiedono l’iscrizione all’albo per poter essere esercitate.

Tra queste, quella del pilota è una delle più insospettabili, eppure esiste un apposito albo per piloti di aerei, esattamente come quello previsto per altre categorie lavorative, cui bisogna iscriversi prima di cominciare a lavorare.

Come si è sempre sottolineato, diventare un pilota di aereo non è affatto un processo scontato, tanto meno immediato. Per arrivare alla vetta e iniziare a praticare questo mestiere si devono sostenere anni di studi e di pratica. Una volta ultimati, sarà il momento di prepararsi per il superamento dell’esame per la licenza da pilota desiderata.

Ovviamente, la formazione da sostenere sarà differenziata a seconda della professione che si intende svolgere. Un aspirante pilota, dunque, dovrà decidere accuratamente quale tipo di percorso scegliere per raggiungere il proprio obiettivo.

In caso si decida di conseguire l’ATPL, per poter trasportare passeggeri con degli aerei di linea, si dovranno affrontare anni di studi e percorsi pratici. Per poter guidare degli aerei a fini commerciali, invece, sarà necessario svolgere un monte ore inferiore rispetto a quello previsto per diventare un pilota di linea.

Licenza per trasporto di passeggeri

Solo una volta ultimati gli studi e ottenuta la licenza si potrà avanzare al passo successivo.

A questo punto, prima di iniziare a inviare il proprio CV a diverse compagnie aeree, sarà necessario per il candidato inoltrare la domanda per essere iscritto all’albo dei piloti aerei italiani.

Ma quali sono i documenti necessari per potersi iscrivere all’albo dei piloti di aerei?

A questa domanda cercheremo di rispondere nel presente articolo, per poter eliminare ogni dubbio possibile su questa tematica.

Leggi anche: L’aereo più costoso al mondo: ecco il vincitore assoluto

Iscrizione all’albo piloti di aerei: i documenti necessari

I documenti necessari

Tutti gli equipaggi vengono formati esclusivamente da professionisti regolarmente iscritti all’albo dei piloti di aerei.

Per poter procedere, chiaramente, è necessario essere in possesso di una licenza di volo in corso di validità. Una volta ottenuta, il pilota dovrà inviare all’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile quanto richiesto per l’iscrizione.

Scopriamo, di seguito, quali sono tutti i documenti necessari per poter richiedere l’inserimento nell’albo dei piloti di aerei:

  • Domanda in bollo per l’iscrizione nell’Albo con il titolo di pilota italiano;
  • Una marca da bollo (oltre a quella applicata sulla domanda);
  • Due fototessere firmate sul davanti;
  • Fotocopia autenticata della licenza di volo EASA, rilasciata sia sul territorio nazionale italiano che da un altro paese autorizzato EASA; è anche sufficiente la presentazione di una dichiarazione sostitutiva di certificazione;
  • Il certificato che attesti la cittadinanza italiana, che presenti una data non più lontana dei 6 mesi; in alternativa, è possibile inviare una dichiarazione sostitutiva;
  • Fotocopia autenticata del congedo militare o, in alternativa, una dichiarazione sostitutiva. I militari in servizio, invece, dovranno presentare un apposito nulla osta rilasciato dal Ministero della Difesa, in originale;
  • Il certificato penale generale, con una data non anteriore a sei mesi, o una dichiarazione sostitutiva dello stesso;
  • La dichiarazione deontologica compilata;
  • Il formulario compilato;
  • Documenti di riconoscimento: carta d’identità e codice fiscale;
  • Pagamento del contributo di iscrizione di Euro 94,00.

Leggi anche: L’aereo più bello del mondo: superlusso in alta quota

La documentazione presentata viene controllata e poi rapidamente registrata. Come conferma dell’avvenuta iscrizione all’albo dei piloti d’aerei, viene inviato al richiedente l’estratto in bollo, con titolo professionale e il numero di iscrizione.

Una volta effettuata l’iscrizione, ci si dovrà impegnare a comunicare tempestivamente ogni variazione dei dati comunicati. A questo punto, il pilota potrà iniziare a praticare la professione e inviare il proprio curriculum alle diverse compagnie aeree operanti sul territorio.

Per poter continuare a essere iscritti all’albo è necessario, entro il 31 marzo di ogni anno, versare una quota di 94,00 euro, che comprende la quota del rinnovo e diverse spese accessorie.

PS. Vorresti iniziare a lavorare come pilota di volo in una delle più prestigiose compagnie aeree? Partecipa ai corsi della nostra scuola di volo Urbe Aero a Roma!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Inizia adesso la tua carriera di pilota

Urbe Aero è la scuola giusta per te

Urbe Aero