Tutto su ENAC e le licenze di volo

Enac e licenze di volo: tutto quello che devi sapere

Gli appassionati di motori lo sanno bene, qualsiasi mezzo si intenda condurre sarà necessario possedere una specifica abilitazione alla guida.

Questa prende il nome di patente, brevetto o licenza a seconda del mezzo specifico ed è possibile ottenerla superando un esame. Nel caso del settore dell’aviazione, il titolo che abilita al pilotaggio di un aeromobile è la licenza di volo rilasciata dall’ENAC, l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile.

Quest’ultima rappresenta l’unica autorità in Italia che ha il compito di regolare, certificare e controllare tutte le attività relative al settore dell’aviazione civile. Essa quindi opera nei seguenti segmenti:

  • Sicurezza: garantisce la sicurezza aerea dei passeggeri e del personale aeroportuale, sia nelle fasi di volo che a terra;
  • Diritti dei passeggeri: è responsabile della corretta applicazione dei diritti dei passeggeri secondo le normative della comunità europea;
  • Concessioni aeroportuali e regolazione tariffaria;
  • Rilascio di licenze di volo e autorizzazioni all’attività professionale in aviazione civile, compreso il riconoscimento delle scuole di volo come centri di formazione ATO (Approved Training Organisation).

Chiunque abbia il desiderio di pilotare un aereo, quindi, dovrà necessariamente ottenere l’autorizzazione da parte dell’ENAC tramite il rilascio dell’apposita licenza di volo, che varia in base alla destinazione d’uso e al velivolo di riferimento.

Nello specifico, le licenze che si possono ottenere sono di 4 tipi:

  • PPL o Private Pilot License;
  • CPL o Commercial Pilot License;
  • MPL o Multi-crew Pilot License;
  • ATPL o Airline Transport Pilot License.

Scopriamo meglio in cosa consistono e cosa bisogna fare per ottenere queste licenze di volo da parte dell’Enac.

Leggi anche: Corso di pilotaggio: ecco come si diventa piloti di aereo

Enac e licenze di volo: quali sono, a cosa servono e come si ottengono

Quali sono le licenze ENAC e come si ottengono

Come accennato, l’ENAC si occupa di gestire tutte le procedure connesse al settore dell’aviazione civile. Ciò significa che il suo potere si estende su tutte quelle attività di volo professionali o ricreative che non rientrano nell’ambito militare.

È possibile infatti ottenere una licenza di volo autorizzata dall’ENAC per praticare l’attività a scopi ludici, per hobby insomma, o per avviare la carriera come pilota d’aereo.

La scelta di conseguire una licenza di volo o l’altra, quindi, dipende prevalentemente dagli obiettivi che si intendono raggiungere.

Chiunque sia interessato a diventare pilota per hobby e praticare il volo in solitaria o con amici, può intraprendere il percorso di formazione per ottenere la licenza PPL.

Al contrario, se si hanno già le idee molto chiare sulla possibilità di diventare pilota per professione, le licenze CPL, MPL e ATPL sono quelle che consentono di volare per mestiere e ottenere una retribuzione.

Licenza PPL: cos’è e come si ottiene

La PPL è la prima licenza rilasciata dall’ENAC per la conduzione di velivoli a scopo privato, personale e senza retribuzione. Viene conseguita generalmente da chi ha intenzione di praticare il volo per passione e divertimento, oppure da chi non ha ancora le idee molto chiare sul percorso professionale da intraprendere.

La licenza PPL è infatti anche la base di partenza per le successive licenze e abilitazioni. Chi ne possiede una può quindi decidere in seguito di proseguire la formazione professionale e ottenere altre licenze che consentono l’attività a scopi commerciali.

L’iter di formazione per ottenere la PPL prevede l’iscrizione a un corso specifico erogato da una scuola di volo autorizzata dall’ ENAC, della durata di 6 mesi e composto da 100 ore di lezioni teoriche e 45 ore di pratica di volo.

Al termine del percorso sarà necessario superare un esame bandito dall’ENAC per ottenere la licenza.

Licenza CPL per pilota commerciale

La CPL è invece la prima licenza ottenibile se si ha intenzione di avviare una carriera nell’aviazione e venire retribuiti per l’attività di volo.

Con questa licenza è infatti possibile operare come pilota commerciale su velivoli adibiti al trasporto merci e passeggeri, offrendo a tutti gli effetti un servizio commerciale.

Un pilota in possesso della licenza CPL potrà quindi essere impiegato su voli charter, cargo e aerotaxi.

Per ottenere la licenza sarà necessario essere in possesso di una PPL: questo è infatti il principale requisito indispensabile per accedere al corso di formazione e ottenere l’abilitazione a svolgere l’attività di volo per scopi commerciali.

Il percorso si compone di 250 ore di teoria e 25 ore di volo, ha la durata di 12 mesi circa e, anche in questo caso, al suo termine è necessario sostenere un esame per ottenere la licenza di volo dall’ENAC.

Leggi anche: Cabina di pilotaggio aereo: la strumentazione di bordo spiegata in modo semplice

Licenza MPL e ATPL per piloti di linea

Esistono due sole licenze di volo che abilitino alla professione di pilota su aerei di linea: la licenza ATPL, che consente di lavorare per tutte le compagnie aeree, e la licenza MPL, legata a un progetto di formazione specifico per alcune compagnie.

La licenza ATPL può essere conseguita attraverso due percorsi di formazione: integrato o modulare.

Il percorso ATPL integrato è quello che, in un periodo di tempo ridotto, permette di diventare pilota di linea partendo da zero. Non è infatti necessario avere alcuna altra licenza o conoscenza pregressa del settore dell’aviazione.

Ha la durata di 24 mesi e si compone di 750 ore di formazione teorica e 200 ore di formazione pratica.

Il percorso ATPL modulare, invece, è adatto a chi ha poco tempo a disposizione per lo studio oppure non ha ancora le idee ben chiare sull’obiettivo da raggiungere. Esso infatti permette di ottenere l’ATPL procedendo per moduli, da svolgere con i propri tempi.

In questo caso il requisito fondamentale per accedere al percorso è il possesso della licenza PPL. Da qui verranno integrate 650 ore di teoria e 76 ore di pratica per completare il corso e accedere all’esame bandito dall’ENAC.

Con la licenza MPL invece è possibile diventare pilota di linea per una specifica compagnia aerea in soli 18 mesi. Il percorso infatti è studiato per formare i piloti secondo le direttive dell’azienda in questione per sopperire rapidamente alla mancanza di personale.

Di conseguenza, il pilota verrà addestrato a condurre i velivoli utilizzati dalla compagnia di riferimento, con il vantaggio di essere immediatamente assunto non appena avrà ottenuto la licenza.

La licenza MPL è quindi il percorso più veloce per diventare pilota di linea, a patto di accettare il vincolo di poter lavorare solo per una specifica compagnia.

Inizia adesso la tua carriera di pilota

Urbe Aero è la scuola giusta per te

Urbe Aero
Urbe Aero - New Aircraft