FAQ – Domande frequenti

Per diventare pilota di linea è necessario conseguire la licenza ATPL (Airline Pilot Transport Licence). Il percorso prevede di effettuare tutti gli esami previsti per completare la teoria ATPL e di lasciarli in modalità cosiddetta ‘frozen’. La licenza con cui si esce da un percorso ATPL è una licenza commerciale CPL/IR (con teoria ATPL) idonea per essere assunti in compagnia aerea. Non appena raggiunta l’esperienza di 1500 ore di volo, attraverso un piccolo esame si potrà convertire la licenza da ATPL ‘frozen’ in ATPL (full). Per accedere al corso di formazione è necessario aver compiuto la maggiore età (per sostenere gli esami) e presentare un certificato di idoneità psico-fisica di prima classe rilasciato dall’Aeronautica Militare (IMAS).

L’unica licenza che permette di candidarsi alle offerte commerciali delle compagnie aeree nazionali e internazionali è l’ATPL (Airline Pilot Transport Licence).
Urbe Aero è inoltre la prima scuola di volo certificata in Italia per rilasciare la nuova licenza MPL (Multi-crew Pilot Licence), un progetto di training collegato interamente ad una compagnia aerea per la formazione di piloti che lavorino esclusivamente per essa. Dal 2019 siamo il principale punto di riferimento per la formazione dei piloti di Alitalia.

È possibile scegliere tra due percorsi disponibili finalizzati al conseguimento della licenza ATPL: il corso integrato o modulare.
L’ATPL integrato consente di diventare pilota di linea in soli 24 mesi e partendo completamente da zero.
L’ATPL modulare, invece, è suddiviso in diverse fasi ed è l’allievo a decidere i tempi. Per ottenere la licenza ATPL è necessario essere in possesso della licenza di pilota privato (PPL) e completare tutte le fasi previste dal programma, accumulando le ore di volo richieste per la licenza commerciale. Questo percorso è l’ideale per chi studia/lavora e ha poco tempo a disposizione.

L’età minima per l’iscrizione ai corsi è 17 anni ma è necessario aver raggiunto la maggiore età per sostenere gli esami di licenza. Non vi sono invece limiti in merito all’età massima consentita, l’importante è che il certificato medico attesti l’idoneità psico-fisica per svolgere senza difficoltà l’attività di pilota.

  • Aver compiuto 18 anni per sostenere gli esami di licenza;
  • Licenza di Scuola Media Superiore (Diploma);
  • Certificato medico di idoneità psico-fisica di I classe, rilasciato dall’Istituto Medico Legale dell’Aeronautica Militare;
  • Frequentare un corso presso una scuola di volo certificata dall’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (ENAC), come Urbe Aero, per ottenere la licenza ATPL.

La visita medica di Classe 1, richiesta quale pre-requisito per l’iscrizione ai corsi di conseguimento delle licenze di volo commerciale, riguarda tutti i normali controlli di routine su aspetti quali vista, udito, equilibrio, pressione, ECG, oltre ad analisi del sangue e delle urine e ad una visita psicologica approfondita. La visita viene effettuata presso l’Istituto di Medicina Aerospaziale dell’Aeronautica Militare e può essere prenotata tramite la nostra scuola per gli allievi intenzionati a frequentare i corsi ATPL.

Diventare pilota di linea è un investimento importante sotto molti punti di vista. Si tratta di un percorso molto impegnativo che richiede tempo, energie e risorse economiche, ma che può garantire enormi soddisfazioni in termini di carriera.

Per venire incontro a quanti non riescono a sostenere il costo dell’investimento in un’unica soluzione, Urbe Aero  attraverso la collaborazione con BNL Gruppo BNP Paribas, offre la possibilità di finanziare il corso ATPL Integrato grazie al prestito BNL Futuriamo. Clicca qui per scoprire di più sul prestito “BNL Futuriamo“.

L’abilitazione per tipo, detta anche ‘type rating’, consiste in un titolo aggiuntivo che abilita a pilotare uno specifico tipo di aeromobile (ad esempio Boing 737, Airbus 350) e si ottiene attraverso un esame teorico e pratico da effettuarsi sul tipo di aereo per cui si vuole ottenere l’abilitazione.
Le abilitazioni per tipo servono, ad esempio, per pilotare diversi modelli di aerei, pilotare velivoli dotati di caratteristiche differenti (come l’I.R. – Instrumental Rating) e si conseguono una volta terminato il percorso per ottenere la licenza commerciale.
I piloti che supereranno le selezioni da parte delle compagnie aeree dovranno quindi frequentare il corso e sostenere l’esame di abilitazione per pilotare il modello di aereo su cui verranno impiegati.

Nessuna, semplicemente oggi si parla di licenza di volo e non più di brevetto.

Urbe Aero

OPEN DAY

18 settembre 2021