Il test per pilota di aerei in cosa consiste?

Test per piloti aerei: in cosa consiste e come prepararsi al meglio

Quello del pilota di aereo è un mestiere molto ambito da grandi e piccini.

Ebbene sì, per poter coronare il proprio sogno di solcare i cieli e viaggiare in ogni parte del mondo non esiste un limite d’età troppo stringente.

Si deve sapere, però, che per imboccare questa strada ed entrare nel settore dell’aeronautica esistono determinati requisiti e step da dover superare. Una volta riusciti ad accedere, infine, si dovrà sostenere un test per piloti d’aerei, così da ottenere la licenza e avviare con successo la propria carriera.

Gli aspiranti futuri piloti potrebbero sentirsi scoraggiati da un percorso tanto impegnativo, quanto lungo. Si deve specificare, però, che l’impegno richiesto sia in termini personali che economici dipende principalmente dal tipo di percorso che si intende seguire, e che in ogni caso condurrà a soddisfazioni molto importanti.

Per ottenere una licenza da pilota di aereo privato, per esempio, il monte ore di lezioni frontali e pratiche sarà nettamente inferiore rispetto a quello necessario per ottenere la licenza ATPL. Quest’ultimo acronimo sta per Airline Transport Pilot License, che identifica il brevetto necessario per diventare un pilota di linea.

Di conseguenza, anche il test per piloti di aerei privati sarà meno elaborato di quello destinato agli aspiranti piloti di linea.

A questo punto, si potrebbe risultare un po’ confusi circa il percorso da percorrere e sul test per piloti di aerei da sostenere. Per questa ragione, di seguito si cercherà di fare chiarezza, così da poter fugare ogni possibile dubbio di tutti coloro che intendono fare del volo la propria professione.

Leggi anche: Storia del primo pilota automatico d’aereo: ecco chi l’ha inventato

Com’è strutturato il test per piloti d’aerei.

Com'è strutturato il test per pilota d'aereo

Si è già anticipato che il test per piloti d’aerei è diverso a seconda della licenza che si intende ottenere.

L’esame per l’ottenimento della licenza ATPL, ad esempio, è composto da una parte teorica e una pratica. Per potersi preparare adeguatamente, è importante esercitarsi più possibile.

Esistono numerosi simulatori e banche dati online per poter testare le proprie conoscenze, come anche test provenienti da sessioni d’esame passate. Si possono trovare facilmente sul web, consultando anche dei forum di settore.

Il test per piloti d’aerei prevede domande interamente in lingua inglese, che riguardano le numerose materie studiate durante il percorso di formazione.

Alcuni degli argomenti trattati sono ad esempio: Air Law; Aircraft General Knowledge; Performance; Flight Planning and Monitoring; Human Performance and Limitations; Meteorology etc.

In tutto, le materie risultano essere 16. Sicuramente una mole non indifferente, ma necessaria per assicurarsi una solida conoscenza delle più importanti nozioni dell’aviazione da parte dei candidati.

Il margine di errore consentito per materia è pari al 25%, superato il quale si verrà respinti.

La parte pratica dell’esame, invece, consiste in delle prove di volo. In questa fase i candidati dovranno dimostrare non solo una corretta padronanza del mezzo, ma anche una profonda conoscenza di tutte le manovre necessarie per effettuare un volo in totale sicurezza.

Leggi anche: Preparazione atletica piloti aerei: ecco in cosa consiste

Come sostenere il test per piloti d’aerei?

Se si è parlato di come superare un test per piloti d’aerei, sembra necessario anche specificare il come sia possibile riuscire a farlo. Per poter sostenere l’esame finale, infatti, si dovrà seguire un percorso di formazione ben preciso.

Abbiamo già accennato al fatto che esistono diverse tipologie di licenze che è possibile ottenere, a seconda delle proprie ambizioni. In particolare, le principali sono le seguenti:

Pilota con licenza PPL
  • Licenza PPL, per diventare un pilota di aerei privati, consigliata a chi è interessato a volare per scopi personali o ludici, non a fini professionali;
  • Licenza CPL, riservata a coloro che sono interessati a diventare piloti di aerei commerciali;
  • Licenza ATPL che, come citato in precedenza, è l’obiettivo di coloro che intendono diventare piloti di linea.

Una volta scelta la licenza di proprio interesse, si potrà procedere con la verifica dei requisiti minimi necessari per poter accedere a una scuola di volo. Se tali requisiti risultano rispettati, si potrà iniziare il proprio percorso di formazione.

Alla fine delle lezioni teoriche e pratiche ci si dovrà preparare per i test per piloti d’aerei veri e propri. Questi esami vengono banditi dall’ENAC, che predispone diverse date durante il corso dell’anno.

PS. Vorresti iniziare a lavorare come pilota di volo in una delle più prestigiose compagnie aeree? Partecipa ai corsi della nostra scuola di volo Urbe Aero a Roma!

Inizia adesso la tua carriera di pilota

Urbe Aero è la scuola giusta per te

Urbe Aero
Urbe Aero - New Aircraft