Requisiti fisici del pilota di linea

I principali requisiti fisici per diventare pilota di linea

Intraprendere la professione del pilota di aerei richiede grande passione e impegno, è un lavoro molto prestigioso e di grandissima responsabilità.

Tuttavia, i requisiti fisici per diventare pilota di linea sono molto meno rigidi in confronto a quelli necessari per intraprendere una carriera militare e, come vedremo nel dettaglio più avanti, se godi di una buona salute generale non avrai problemi ad accedere al corso.

Per diventare un pilota di linea non ci sono limiti di età, e la licenza può essere ottenuta, a differenza da quello che si possa pensare, in soli due anni.

Chiaramente iniziare questo percorso quando si è più giovani permette di investire sul proprio futuro, potendo perseguire una carriera brillante attraverso un lavoro solido, ben retribuito e stimolante.

D’altronde, nonostante la pandemia mondiale che ha momentaneamente messo in stand-by il settore, le previsioni per i prossimi anni sono incoraggianti.

Boeing, che è il costruttore numero uno al mondo di aerei civili, ha reso noto che le compagnie aeree hanno già ordinato molti velivoli per implementare le proprie flotte, questo significa che serviranno molti piloti di linea, per la precisione la stima è di 790.000 nel prossimo ventennio.

Dunque, questo è il momento giusto per realizzare il tuo sogno e perseguire i tuoi obiettivi. Vediamo, allora, quali sono i passaggi obbligati per diventare un pilota di linea:

  • per testare le proprie conoscenze di base si può effettuare un test riguardante la logica e la matematica. Per valutare l’attitudine personale, invece, il test riguarderà la propensione al multitasking e la dimensione della personalità
  • è fondamentale ottenere il certificato medico di idoneità psicofisica
  • bisogna iscriversi ad una scuola di volo e frequentare il corso che permette di ottenere la licenza

Ora che sei a conoscenza dei requisiti generali necessari per iniziare questo percorso, analizziamo nel dettaglio quali sono i requisiti fisici per diventare pilota di linea.

Leggi anche: Mancheranno i piloti d’aereo

Come ottenere il certificato di idoneità psicofisica

Certificato di idoneità psicofisica: come ottenerlo

Come accennato in precedenza, a differenza del pilota militare che deve rispettare regole fisiche molto dure come, ad esempio, una determinata statura, i requisiti fisici per diventare pilota di linea sono molto più morbidi.

Ti basterà, infatti, essere in possesso del certificato di idoneità psicofisica di I classe, che serve ad attestare che tu sia in buona salute, e viene rilasciato presso l’Istituto Medico Legale dell’Aeronautica Militare

Le visite da sostenere per ottenere il certificato di idoneità sono diverse, tra cui:

  • analisi delle urine
  • esami del sangue
  • visita oculistica
  • controllo audiometrico
  • visita cardiologica
  • controllo otorinolaringoiatrico

Come è facilmente intuibile, il pilota di aerei di linea deve godere di una vista ottima ma, a differenza di quello che si possa pensare, è possibile intraprendere questa professione anche qualora si portino gli occhiali purché si rientri in determinati parametri.

Per quanto riguarda invece il colloquio con lo psicologo, è un incontro teso ad appurare le capacità attitudinali della persona. Essere un pilota di linea, infatti, implica avere una grande responsabilità ed è fondamentale saperla gestire nel migliore dei modi. Il profilo psicologico del pilota ideale racchiude diverse caratteristiche tra cui:

  • una buona capacità di rimanere concentrato
  • essere predisposto al lavoro di squadra
  • saper analizzare velocemente le situazioni
  • essere in grado di prendere decisioni in breve tempo
  • possedere un buon senso dell’orientamento

Il certificato di idoneità di prima classe andrà rinnovato ogni anno fino all’età di 60 anni, in seguito ogni sei mesi.

Ora che sai esattamente come vengono analizzati i requisiti fisici per diventare pilota di linea, vediamo quale corso ti permette di ottenere la licenza.

Leggi anche: Finanziamento per diventare pilota? Questa la soluzione flessibile di Urbe

Quale corso frequentare per diventare pilota di linea

Per diventare pilota di linea quale corso frequentare?

La scelta della scuola di volo a cui iscriverti è fondamentale per diventare un pilota di linea di successo. Deve essere certificata dall’ENAC, come la nostra Urbe Aero, tra le più rinomate in Italia e in Europa, che ti permette di ottenere la licenza in soli 24 mesi.

I corsi che permettono di diventare pilota di linea sono due:

  • ATPL integrato: l’unico che permette di diventare pilota di linea in due anni e senza nessuna esperienza pregressa. Include 750 ore di teoria e 200 di volo ed è il corso più economico e intensivo.
  • ATPL modulare: è un percorso articolato su più fasi, prima si ottiene la licenza PPL (pilota privato) sviluppando esperienza in termini di ore di volo, si prosegue con l’addestramento per diventare pilota commerciale con teoria ATPL, successivamente si frequenta il corso MCC praticando il numero di ore di volo necessarie con equipaggio plurimo, infine, si ottiene l’abilitazione che permette di volare come co-pilota di linea

Dunque, i requisiti per diventare pilota di linea non sono affatto rigidi, per ottenere l’idoneità psicofisica ti basterà essere in salute e, in breve tempo, potrai realizzare il tuo sogno e iniziare una carriera prestigiosa tra i cieli del mondo.

Domande frequenti

Quali sono i requisiti per diventare pilota di linea?

Quella del pilota di linea è una professione da sempre molto apprezzata e ambita. Un percorso che fa sognare, ma che richiede comunque un impegno non indifferente. Per potervi accedere, però, si deve essere in possesso di alcuni requisiti fondamentali per avviare un percorso in linea con le proprie aspettative.

In particolare, si tratta di requisiti di natura psicofisica, che vengono accertati grazie a una serie di visite specialistiche come quella cardiologica, del sangue e delle urine, oculistica e di controllo dell’udito. Ciò che in molti non sanno è che i requisiti fisici richiesti per diventare un pilota di linea non sono molto stringenti. Decisamente più rigidi sono quelli necessari per poter ambire a una carriera militare.

In linea generale, si potrebbe assumere che se si gode di buone condizioni di salute, fisica e psicologica, non dovrebbero esistere particolari ostacoli all’ottenimento dell’idoneità. Quest’ultima, in dettaglio, è denominata come idoneità psicofisica di I classe ed è rilasciata, dopo tutti gli accertamenti del caso, presso l’Istituto Medico Legale dell’Aeronautica Militare.

Come ottenere il certificato di idoneità psicofisica per pilota di linea?

Ormai è chiaro che per poter accedere ai corsi per poter diventare un pilota di linea sono richiesti dei requisiti psicofisici da rispettare. Questi ultimi, vengono verificati dai medici dell’Aeronautica Militare attraverso una serie di controlli specialistici. Per quanto riguarda l’idoneità fisica, le visite previste sono le seguenti:

  • Analisi delle urine ed esami del sangue;
  • Visita cardiologica;
  • Visita oculistica;
  • Visita otorinolaringoiatrica;
  • Controllo audiometrico.

Per quanto riguarda la verifica dei requisiti psicologici, invece, ci si dovrà sottoporre a un colloquio con un professionista del settore. Si tratta di un incontro volto principalmente a conoscere le inclinazioni e le attitudini del candidato.

Essere un pilota di linea, infatti, non è assolutamente semplice. Si deve essere in grado di gestire una serie di situazioni molto delicate, che comportano una responsabilità non indifferente. Per questa ragione, si dovrà verificare che gli aspiranti piloti siano in grado di reggere questa pressione, agendo sempre al meglio delle proprie possibilità.

Di conseguenza, un candidato si rivelerà essere idoneo alla mansione se in possesso di alcune caratteristiche, ovvero:

  • Buone capacità di concentrazione:
  • Buona capacità di analizzare le diverse circostanze;
  • Saper lavorare in team;
  • Avere senso dell’orientamento;
  • Buone capacità decisionali, fondamentali soprattutto in momenti critici.

Quanti decimi servono per fare il pilota di linea?

Tra i requisiti fisici fondamentali per ambire alla licenza da pilota di linea, spicca sicuramente la necessità di godere di una buona vista. Al contrario di ciò che molti possono pensare, però, diventare un professionista dell’aviazione non è impossibile per coloro che hanno bisogno di indossare degli occhiali.

Infatti, nel corso della visita oculistica, i decimi minimi richiesti per ottenere l’idoneità sono 7/10 per occhio. Si specifica, però, che la cosa fondamentale è quella di poter arrivare a 10 decimi per occhio con le opportune correzioni.

Cosa bisogna fare per diventare un pilota di linea?

Una volta ottenuto il certificato di idoneità psicofisica, si può valutare l’iscrizione a una buona scuola di volo. Quest’ultima deve essere approvata o certificata dall’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) per poter operare sul territorio.

In particolare, per diventare un pilota di linea, ci si dovrà iscrivere a un corso per ottenere la licenza ATPL, Airline Transport Pilot License, apposita per poter pilotare aerei di linea.

Si tratta di un percorso che può essere svolto in due modalità: integrato o modulare. In quest’ultimo caso, si dovrà essere già in possesso di specifiche licenze da pilota per poter accedere anche al modulo per l’ATPL.

Se, invece, si dovesse essere già certi del percorso professionale da intraprendere, il percorso integrato sarebbe sicuramente la scelta più adatta. La formazione ha una durata di due anni e si divide in una parte teorica e una pratica. Una volta trascorsi i 24 mesi, ci si potrà cimentare con l’esame per ottenere l’ambita licenza.

Inizia adesso la tua carriera di pilota

Urbe Aero è la scuola giusta per te

Urbe Aero
Urbe Aero - New Aircraft