I comandi aereo come si chiamano e quali sono?

Comandi aereo: quali sono e come si chiamano

Tra tutti i mezzi di trasporto presenti oggi, l’aereo è sicuramente quello che maggiormente stuzzica la fantasia di appassionati e non.

Un fascino dovuto alla sua capacità di sorvolare i cieli e percorrere lunghe distanze anche in poche ore. Un’impresa decisamente non alla portata di tutti.

Di conseguenza, tale curiosità si rivolge anche a tutto ciò che riguarda il pilotaggio di un velivolo. Quali sono i comandi dell’aereo più importanti? Quali strumenti vengono adoperati per poter gestire il volo al meglio?

Per quanto riguarda i comandi dell’aereo, si deve sapere che non sono tutti uguali. Esistono, infatti, sistemi di controllo più o meno recenti. I sistemi meccanici sono, ad esempio, quelli che consentono in maniera più semplice il controllo di un aeromobile.

Questi sono stati utilizzati nella costruzione dei primi aerei e sono tuttora in uso nei modelli più piccoli, che non sono soggetti a forze aerodinamiche troppo forti.

Comandi di questo tipo sono collegati a diverse componenti meccaniche come contrappesi, aste, catene e cavi di tensione, con relativi tenditori per regolarli. Uno dei modelli attualmente in circolazione che utilizza ancora un sistema meccanico è il Cessna Skyhawk.

Ovviamente con l’aumentare delle dimensioni del velivolo un sistema di questo tipo si rivelerebbe inappropriato. I comandi di un aereo di maggiori dimensioni, infatti, sono motorizzati, per poter ottenere le massime prestazioni dal mezzo.

Di seguito, allora, si scoprirà come sono composti i comandi degli aerei più comuni in circolazione.

Leggi anche: Cloche aereo: cosa significa e a cosa serve

Comandi aereo: l’elenco completo

L'elenco completo dei comandi aereo

I comandi di un aereo presenti nella cabina di pilotaggio possono essere distinti in controlli primari e secondari.

I controlli primari sono i seguenti:

  • La pedaliera, per controllare l’imbardata tramite il timone;
  • La cloche, per controllare gli spostamenti del velivolo;
  • La manetta, grazie alla quale si dà sufficiente carburante al motore per aumentare o ridurre la velocità.

I controlli secondari, invece, vengono installati per poter alleviare il carico di lavoro del pilota, rendendo più agevole il volo. I più comuni sono:

  • Il Trim, che controlla l’assetto del velivolo;
  • Ipersostentatori, che aumentano la portanza sull’ala.

Approfondiamo subito le funzionalità dei più importanti comandi di un aereo.

Le funzionalità dei comandi di un aereo

Una volta a bordo, uno dei primi strumenti che si nota è proprio la cloche, che può avere due tipi di movimento: laterale, o avanti e indietro.

Muovendo lateralmente la cloche, si vanno a influenzare gli alettoni. Girando verso sinistra, l’alettone dello stesso lato si alzerà, mentre quello a destra si abbasserà.

Questo perché, quando si vuole virare a sinistra, è necessario che l’ala sinistra si alzi. Di conseguenza l’alettone diminuirà l’angolo di incidenza rispetto al vento relativo e la semi ala dell’aereo si abbasserà, a causa della minore portanza. Allo stesso tempo, l’altro alettone si abbasserà, aumentando l’angolo di incidenza e la portanza di quella semiala.

In altre parole, se si gira la cloche a sinistra, avremo una virata nella stessa direzione. Stessa cosa per quanto riguarda il giro della cloche a destra.

Tirando avanti la cloche, invece, l’equilibratore si solleva verso l’alto e l’aereo tende a salire. Spingendo la cloche totalmente all’indietro, l’equilibratore porta la punta verso il basso e l’aereo tende a scendere.

Un’altra componente molto importante è il Trim wheel, il compensatore, che consente di variare la posizione del trim.

Il Trim è costituito da alette mobili montate sull’equilibratore, che favoriscono il mantenimento dell’aereo nella direzione e assetto desiderati, il tutto senza dover far forza sulla cloche.

Le configurazioni del compensatore sono, essenzialmente, di nose down e nose up. Il Trim in posizione neutra non ha effetto sullo stabilizzatore dell’aereo. Durante il volo, però, la portanza può variare e quindi l’aereo è sottoposto a forze diverse.

Leggi anche: Atterraggio aereo: come funziona nel concreto

Variando la trim wheel si cambia la posizione dell’aletta posta nella parte posteriore dell’aereo.

In Nose down l’aletta del Trim si alza, determinando una deportanza e facendo inclinare il velivolo verso il basso, come in picchiata.

Se si va in Nose UP, l’aletta si abbassa completamente, aumentando la portanza e facendo inclinare in su l’aereo, come se si innalzasse.

Tra i comandi di un aereo, fondamentale è anche la pedaliera che è formata da soli due pedali, al contrario dell’auto che ne ha tre.

I pedali lavorano simultaneamente: quando uno dei due viene spinto, l’altro torna automaticamente indietro. La funzione della pedaliera è quella di comandare il timone verticale.

Premendo a destra, l’aereo virerà verso destra e viceversa premendo il pedale sinistro. Grazie alla pedaliera l’aereo si mantiene in un assetto corretto durante le fasi di virata.

Su alcuni velivoli, inoltre, premendo sulla punta dei pedali si va ad agire sui freni del mezzo.

PS. Vorresti iniziare a lavorare come pilota di volo in una delle più prestigiose compagnie aeree? Partecipa ai corsi della nostra scuola di volo Urbe Aero a Roma!

Inizia adesso la tua carriera di pilota

Urbe Aero è la scuola giusta per te

Urbe Aero
Urbe Aero - New Aircraft