Salario pilota d'aereo: differenze in Italia e all'estero.

Il salario del pilota aereo in Italia e all’estero

Con il passare del tempo sono sempre di più le persone affascinate dal mondo dell’aviazione e, in particolare, dalla figura del pilota.

La dinamicità che questo mestiere offre e la buona retribuzione che permette di ottenere lo rendono decisamente una scelta molto allettante.

In particolar modo, è proprio il salario di un pilota di aereo a essere oggetto di curiosità e attrazione, in quanto le prospettive di guadagno sono più alte della media e variano in base a diversi fattori. Senza contare inoltre che un pilota difficilmente rimane disoccupato, considerata l’alta richiesta di professionisti.

Quello attuale potrebbe essere proprio il momento giusto per iniziare il percorso di formazione. Recenti studi, infatti, confermano che nei prossimi anni la domanda di piloti di linea si alzerà notevolmente, grazie alla sempre maggiore richiesta di voli da parte degli utenti.

Se è vero che la pandemia ha messo in ginocchio diversi settori, tra i quali sicuramente quello del turismo e degli spostamenti, ora sembra intravedersi una luce in fondo al tunnel.

La voglia di tornare a viaggiare è tanta e le compagnie aeree hanno intenzione di assecondare questa superiore domanda proponendo più tappe possibili. Di conseguenza, dovranno anche avere abbastanza personale per far fronte a questo futuro imminente.

Parlando brevemente di numeri, secondo uno studio di Boeing, uno dei più famosi costruttori di aerei al mondo, il traffico aereo aumenterà del 4.4% e saranno richiesti, solo in Europa circa 50.000 nuovi piloti di linea, che diventano 790.000 a livello mondiale.

Una prospettiva decisamente allettante, da tenere in forte considerazione nelle proprie personali riflessioni e valutazioni, insieme a quella di una retribuzione mensile superiore alla media.

Vediamo allora a quanto ammonta il salario di un pilota di aereo e se esiste una differenza sostanziale tra la retribuzione percepita in Italia rispetto a un collega che risiede all’estero.

Leggi anche: Quanto prende un pilota di aerei a seconda della compagnia aerea

Da cosa dipende il salario di un pilota d’aereo?

Quali sono i fattori che determinano il salario di un pilota d'aereo?

Sembra fondamentale, innanzitutto, fare chiarezza su quali siano gli aspetti che vanno a delineare il salario di un pilota di aereo. Poter dare una risposta univoca a una domanda simile è davvero difficile, perché si devono valutare diversi fattori.

Sicuramente sul salario di un pilota d’aereo influisce moltissimo la compagnia per cui lavora e il suo livello di esperienza, oltre al ruolo e alle tipologie di tratte che ricopre.

Stiamo comunque parlando di un lavoro che porta con sé un carico di responsabilità davvero non indifferente, pertanto in ogni caso si tratterà di uno stipendio di tutto rispetto.

C’è da sottolineare, però, quanto la compagnia aerea di appartenenza possa differenziare il trattamento retributivo. Per ogni azienda, infatti, cambieranno i contratti, i benefit e le condizioni offerte ai propri dipendenti.

Parliamo di differenze ancora più accentuate se si confronta il salario di un pilota d’aereo italiano con quello di un suo collega assunto all’estero.

Poter essere assunto da una buona compagnia è quindi fondamentale per la propria carriera. Lo sappiamo molto bene noi di Urbe Aero, che da anni nella nostra scuola di volo ci occupiamo di offrire i migliori corsi di formazione per poter aiutare i nostri allievi a costruire una solida professionalità.

Avere delle basi solide può fare davvero la differenza per un pilota appena abilitato. Più si dimostreranno le proprie capacità, infatti, più si verrà notati dalle migliori compagnie aeree.

Si parla di un vantaggio che incide non poco sul salario di un pilota di aereo.

Leggi anche: Come si fa realmente a pilotare un aereo?

A quanto ammonta il salario di un pilota d’aereo?

Proviamo ora a scendere più nel dettaglio, anche se abbiamo già anticipato quanto possa essere difficile dare una risposta univoca a una domanda simile.

Il salario di un pilota d’aereo, secondo alcune stime, oscilla tra i 2.000 e i 3.000 euro al mese per un neoassunto. Parliamo di somme approssimative, che non comprendono tutti gli eventuali benefit che sono messi a disposizione dalla singola azienda.

La retribuzione, ovviamente, andrà aumentando sempre più con l’esperienza maturata dal professionista, arrivando a circa 5.000 euro a metà della carriera e a oltre 10.000 al culmine del proprio percorso professionale.

Per quanto riguarda il salario di un pilota d’aereo all’estero, questo risulta essere effettivamente più elevato rispetto a quello percepito in Italia. Parliamo di differenze che possono essere anche parecchio consistenti, a seconda delle compagnie di riferimento.

Mediamente un pilota assunto in una compagnia internazionale, come l’americana Delta Airlines o l’inglese British Airways, percepiscono il doppio rispetto a un pilota italiano. Anche i neoassunti quindi hanno la possibilità di percepire cifre davvero consistenti.

Eppure vi è da considerare che, di solito, le compagnie di bandiera pagano molto di più delle altre, e questo vale anche in Italia. Pertanto, anche nel nostro paese è possibile fare carriera nell’aviazione ed essere retribuiti in maniera più che soddisfacente.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Inizia adesso la tua carriera di pilota

Urbe Aero è la scuola giusta per te

In passato, chiunque desiderasse diventare aviatore e costruire una carriera in volo non aveva altra alternativa che entrare a far parte dell’Aeronautica Militare. Oggi il percorso è decisamente cambiato.
Urbe Aero