Mattia Bianchi

Il pilota non è solo un mestiere ma uno stile di vita

L’esperienza di mio padre, ex pilota Alitalia, mi ha permesso di scegliere Urbe Aero in quanto scuola di volo più innovativa e professionale in Italia. Ad oggi posso dire di aver fatto la scelta giusta. Dopo soli 5 mesi dalla fine del corso ATPL sono diventato primo ufficiale in easyJet.
Mattia Bianchi
28 anni
Corso 2016-2018
Pilota easyJet

Quella del volo è una passione che ci tramandiamo di generazione in generazione. Mio zio era un pilota, mio padre è un pilota di Alitalia e da bambino, quando possibile, mi portava con sé in cabina.

Ho iniziato quindi a fare esperienze ad alta quota sin da piccolo. Inutile dire che ogni volta che l’aereo iniziava le fasi di rullaggio e decollo io provavo emozioni uniche. Da lì a poco sapevo che avrei letteralmente spiccato il volo e contenere l’entusiasmo era impossibile. Questa sensazione non mi ha mai abbandonato. Sapevo che sarei diventato un pilota: ce l’avevo scritto nel DNA.

Subito dopo il liceo ho iniziato a visitare le varie scuole di volo italiane per reperire informazioni e scegliere la migliore. Non avevo le idee molto chiare inizialmente. Volevo volare, questo era certo, ma ero indeciso se iniziare con un percorso PPL e raggiungere l’obiettivo step by step oppure se optare subito per l’ATPL integrato, che mi avrebbe permesso di diventare immediatamente un pilota di linea.

L’esperienza e il supporto di mio padre sono stati determinanti in questa fase. La scelta della scuola per la formazione è un passo molto importante e non è solo il fattore economico a fare la differenza.

Dopo averne visitate diverse, ho scelto Urbe Aero per tre principali motivi:

  • Aggiornata e all’avanguardia, con strutture adeguate alla formazione teorica e pratica
  • Ben organizzata e composta da staff valido e competente
  • Dotata di strumentazione e velivoli di ultima generazione

Urbe Aero si è rivelata la scuola di volo più innovativa e professionale in Italia. La qualità dell’insegnamento è altissima e ciò è determinato, oltre che dalle competenze degli istruttori, dalla loro passione nel trasmettere a noi cadetti la cultura del volo.

Ad oggi posso dire di aver fatto la scelta giusta.

Gli standard di qualità della formazione impartita in Urbe Aero sono quelli richiesti dalla normativa europea per i piloti di volo. Non è un caso, quindi, che dopo soli 5 mesi dalla fine del corso ATPL sia riuscito a diventare primo ufficiale in easyJet. Le competenze acquisite in Urbe Aero mi hanno permesso di essere scelto tra dieci candidati per diventare pilota di compagnia.

Inoltre, l’aver effettuato la pratica di volo su aeromobili moderni e aggiornati mi ha agevolato molto nelle operazioni di type rating. Mi sono trovato infatti di fronte una macchina familiare e non ho riscontrato difficoltà a pilotarla con tutte le strumentazioni tecnologiche di cui è dotata, perché le conoscevo già.

Oltre alla formazione di qualità, che è assolutamente indispensabile per fare la differenza, è stato fondamentale iniziare il percorso con una forte consapevolezza: diventare pilota è molto impegnativo.

Ciò con cui non avevo fatto i conti all’inizio, infatti, era lo sforzo richiesto per realizzare il sogno. La strada è lunga, i soldi e i sacrifici sono tanti e non ci sono scorciatoie per raggiungere il successo. La sola volontà non basta.

Quando ho iniziato il percorso di formazione mi sono reso conto che avrei dovuto rinunciare a tante cose se volevo raggiungere il mio obiettivo. Così ho iniziato a fare a meno delle distrazioni e mi sono impegnato per completare il percorso il prima possibile.

I miei amici ancora mi prendono in giro per tutte le volte in cui ho preferito andare a dormire presto il sabato sera invece di uscire e divertirmi con loro. Tornassi indietro, però, rifarei tutto alla stessa maniera. Per costruire la mia carriera di successo avevo bisogno di riposare, ricaricarmi e prepararmi a una nuova settimana impegnativa di lezioni ed esami.

Motivazione, disciplina e tanto impegno: questa è la combinazione vincente.

Sono dell’idea che essere pilota è uno stile di vita più che un semplice mestiere. Da quando lavoro per easyJet la mia nuova casa è diventata Amsterdam. Questa scelta comporta quindi dei sacrifici, primo tra tutti quello di allontanarsi dal posto in cui sei nato e cresciuto.

Tutti i compromessi che ho dovuto accettare però sono stati ben ripagati dall’emozione che provo ogni volta che le ruote del mio aereo si staccano da terra. Non c’è niente di più emozionante che alzare lo sguardo dai comandi e vedere il mondo che scorre sotto di me. I miei prossimi passi? Dopo aver raggiunto il massimo grado come pilota mi piacerebbe dedicarmi a mia volta alla formazione dei nuovi cadetti. Chissà che non sia proprio questa l’occasione per ritornare in Urbe Aero, magari dall’altra parte della cattedra.

Inizia adesso la tua carriera di pilota

Urbe Aero è la scuola giusta per te

Urbe Aero